Criptovaluta (Italiano)Ripple (XRP) (Italiano)

I manager di Ripple contestano un’ indagine della SEC delle finanze private considerandola uno sconfinamento.

I manager di Ripple, come Bradley Garlinghouse e Christian Larsen, si sono opposti alle esigenze della commissione per i titoli e gli scambi statunitense di dare dati finanziari personali come parte di uno studio in corso riguardante una potenziale violazione dei criteri di commercializzazione dell’XRP.

Lo scorso 11 marzo, il legale dei cofondatori di Ripple Labs aveva richiesto una ordinanza di restrizione in merito alle questioni personali di questi ultimi e aveva preteso che venisse annullato il mandato di arresto emesso nei confronti di quattro banche degli accusati.

Le istituzioni bancarie chiamate in causa sono la SVB Financial Group, la First Republic Bank, e la Federal Reserve Bank of New York, Silver Lake Bank, la Silvergate Bank d’Inghilterra e Citibank.

Alcuni legali di Garlinghouse e Larsen hanno argomentato che la SEC ha esagerato l’ampiezza delle sue investigazione quando ha dichiarato che gli impostori si erano mescolati tra le loro finanze individuali e quelli di Ripple Labs. Il documento di giovedì affermava:

“Il multi-tentativo frontale dell’SEC di rovistare all’interno delle singole informazioni finanziarie del convenuto in una disputa non-frode, dove gli imputati hanno già concordato di presentare le pertinenti informazioni riguardo alle operazioni contestate, è una violazione del limite del tutto inappropriata”.

La “transazioni contestate” si riferiscono alla vendita incontrollata di 14,6 miliardi XRP a cominciare dal 2013 – un importo del valore di $ 1,38 miliardi al periodo della denuncia, ora pari a $ 6,5 miliardi.

Adeline Gibbs (Italy)

Adeline Gibbs è una scrittrice e una collaboratrice vitale di Tokenhell. Rimane sempre aggiornata con gli ultimi avvenimenti nel mondo delle criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close