Bitcoin (BTC) (Italiano)Blockchain (Italiano)Criptovaluta (Italiano)

Lo scettico crypto di Harvard considera Bitcoin una “copertura antidistopia”

Spacciato spesso come una cassaforte di valore o un attivo di copertura, Bitcoin (BTC) ha guadagnato significativi consensi nel mercato mainstream nel corso di alcuni mesi. Kenneth Rogoff, docente di politica pubblica di economia all’Università di Harvard, dubita del sucesso del bene.

“Posso osservare che Bitcoin è stato utilizzato in stati falliti”, ha spiegato Rogoff in occasione di un’intervista a Bloomberg giovedì, e ha aggiunto:

“È immaginabile, sapete, potrebbe avere un uso in un futuro distopico, ma ritengo che i governi non permetteranno transazioni di pseudonimo su larga scala. Proprio non lo permetteranno. Arriverà la legislazione. Il governo sarà vincente. L’amministrazione vincerà. La tecnologia non ha alcuna importanza”.

Bitcoin ha attraversato la sua giusta porzione di critiche in 12 anni di storia. Il sostenitore dell’oro Peter Schiff osserva spesso contro la technologia, l’investitore Warren Buffett una si è riferito ai beni come “probabilmente topo veleno al quadrato” e il commentatore di finanza Dennis Gartman ha ringraziato lo scetticismo nei confronti di Bitcoin alla fine del 2020, solo per menzionare alcuni esempi.

Ma l’adozione di Bitcoin ha contribuito a crescere nonostante le critiche degli scettici. L’asset ha infranto i precedenti vertici di prezzo di tutti i tempi, ottenendo un recente picco intorno ai 42.000 dollari dopo l’annuncio da parecchie grandi aziende mainstream di acquistare BTC nel 2020.

“Penso di essere certamente d’accordo che si tratti di un’attività speculativa”, ha sostenuto Rogoff di Bitcoin.

Ha anche aggiunto:

“Sono stato un Bitcoin scettico, e senza dubbio, il prezzo è arrivato in alto, ma c’è una sorta di ultima domanda su a cosa serve. Ha soltanto valore perché la maggior parte della gente lo pensa? Questa è una bella bolla che sarebbe esplosa”.

“Penso che a lungo andare, se non si usa, sì, la bolla scoppierà”, ha affermato Rogoff. “Spero che non sia di grande utilità, ma penso che sia una specie di siepe contro la distopia”.

Al contrario dei leader dell’industria dei crypto, i leader hanno descritto il Bitcoin come una specie di siepe in un contesto meno anormale.

Adeline Gibbs (Italy)

Adeline Gibbs è una scrittrice e una collaboratrice vitale di Tokenhell. Rimane sempre aggiornata con gli ultimi avvenimenti nel mondo delle criptovalute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close